Riciclaggio: Aumento di capitale con l’inganno!

Aumento di capitale e riciclaggio
Aumento di capitale e riciclaggio

Riciclaggio: Aumento di capitale con l’inganno!

 

Utilizzare una provvista acquisita illegittimamente, nella misura in cui si è trattato di una truffa aggravata in danno della Regione Molise, per partecipare ad un aumento di capitale di una società significa commettere riciclaggio di denaro.

Insomma, realizzare una operazione di per sé legittima, come può essere un aumento di capitale utilizzando tre milioni di euro provenienti da una truffa aggravata in danno di un ente pubblico è delitto e quindi rientra nella fattispecie più grave del riciclaggio.

Questa è la sentenza della 2° Sezione penale della Cassazione n.976/2022, in ordine al ricorso presentato dall’istante avverso una pronuncia di condanna da parte della Corte di Appello di Campobasso che il 28 novembre 2019, ha confermato la sentenza del tribunale di Isernia che lo aveva condannato per riciclaggio di denaro provento di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

Per la Corte, nel corso dell’esame dei fatti di causa, sarebbe mancata la prova che l’imputato avesse concorso nel reato presupposto – truffa aggravata a danno della Regione – che, diversamente, avrebbe escluso la possibilità di contestargli il riciclaggio.

Ad avviso degli Ermellini, il trasferimento sarebbe servito a dissimulare il percorso della ingente provvista, relativamente alla sua origine illecita.

In ogni caso, anche se si fosse provata la partecipazione diretta dell’imputato all’attività criminosa del reato presupposto – truffa aggravata – la contestazione avrebbe potuto riguardare la ipotesi dell’autoriciclaggio di cui all’articolo 648ter 1 del Codice penale.

Alert per il soggetto obbligato

Quando un beneficiario di un aiuto pubblico – solitamente in conto capitale o a babbo morto come si usa dire – chiude baracca e burattini, scomparendo dalla circolazione appena incassato la provvista finanziaria, così come si evince dalla lettura del dispositivo, costituisce di per sé un grave alert per l’inoltro di una Segnalazione di operazione sospetta.

Lascia un commento