“IL COLPO DI STATO DI BANCHE E GOVERNI”: Letture estive

5 min di lettura
Print Friendly, PDF & Email

 

Dalla lettura di un libro, l\’amico Ettore ne ha tratto una interessante riflessilone che coinvolge il nostro modo di vita.


Ettore
Locatelli

 

In uno degli
ultimi incontri con l\’amico F.B.-medico- lo scambio di opinioni, dopo aver riguardato
il più e il meno, è scivolato su temi politici. La conclusione, quasi unanime,
è stata il riconoscere che la politica, almeno nel breve periodo, sarà incapace
di dare risposte credibili e fattive, specie se utilizzando vecchie chiavi di
lettura. Poi Franco ha aggiunto che, attese le nuove e complesse implicazioni
intervenute dopo il tracollo finanziario degli ultimi anni, è necessario, per
l\’osservatore comune, cercare di capire in quali veri termini si pongono, oggi,
le questioni sociali. E a tal proposito mi ha suggerito di leggere un libro che
lui stesso mi ha prestato:- Il colpo di Stato di Banche e governi- (di Gallino)
e che io ho letto. E\’ stata una lettura quasi inusuale alla mia tendenza.
Ma il libro è risultato, poi, divulgativo e mi ha offerto un quadro alquanto
organico degli avvenimenti socio-economici che da qualche tempo stanno
investendo la nostra società.

Ecco lo
schema che ne ho tratto.

A – dal 1945
alla fine degli anni \’70 c\’è stata una crescita elevatissima. La stagnazione
che aveva penalizzato l\’economia negli anni \’30 fu tenuta lontana per decenni,
per diversi fattori. Il 1° fa capo alla ricostruzione post-bellum. In
Germania, in Italia, in Inghilterra ecc.. furono ricostruiti milioni di
edifici; decine di migliaia di Km. di strade, autostrade, ferrovie. Riparati ed
ampliati porti ed aereoporti.

B – poi
venne la crescita, poi l\’espansione dei consumi di massa di beni durevoli:
automobili, elettrodomestici. In Italia tale produzione si moltiplicò per 20

C – verso la
metà degli anni \’70 il regime di accumulazione inizia ad entrare in crisi. La
ricostruzione aveva esaurito la sua spinta propulsiva. I consumi di
massavanno riducendosi e si impone una frenata ai salari per la maggioranza
della popolazione, per compensare la riduzione di domanda di beni durevoli.
S\’affaccia la stagnazione dell\’economia USA-UE con ulteriore evidente riduzione
della fase di crescita.

D – a
partire dagli anni \’80 si fa avanti la finanziarizzazione dell\’economia,
rivelatasi, poi, la risposta sbagliata della politica alla sopraggiunta crisi
di crescita. In campo produttivo subentra un nuovo eccesso e quindi una nuova
contrazione della produzione industriale cui fa seguito la caduta degli
investimenti. Si afferma una accumulazione finanziaria quale risposta del
capitalismo alla stagnazione produttivista.

E – a
tutti questi fenomeni si aggiunga, specie negli ultimi anni, la forte
diseguaglianza di redditi e ricchezze. E le intervenute politiche di austerità
hanno devastato tutti gli equilibri sociali: domanda, investimenti, produzione,
posti di lavoro e tutto quanto ne è derivato. L\’attacco allo stato sociale è
diventato Progetto Politico.

F – il
sistema europeo dell\’alta finanza, con la creazione del danaro dal nulla, ad
opera delle banche, fa ipotizzare l\’arrivo di una seconda crisi più grave di
quella 2007-2013. Su questa ipotesi sono in atto studi di sorveglianza non solo
delle istituzioni europee, ma anche di esperti e centri di ricerca universitari.
Intanto tutto è stato messo in forse specie per le future generazioni. E tanto
sta provocando rabbia e frustrazione non solo nelle classi a basso reddito ma
anche in quella media.

In
definitiva la crisi appare oggi come modalità di Governo delle Persone.

Concludo con
un giudizio sul libro di Gallino riportato da Repubblica a firma di Massimo
Giannini:” un saggio che fornisce una miniera di informazioni e
ricostruzioni di quanto è accaduto nel nostro paese negli ultimi anni. Un punto
di vista, quello dello studioso torinese, che merita attenzione e di essere
discusso proprio per la tesi che propone: il colpo mortale alla democrazia
italiana è venuto dalle banche e dalla finanza”.

Mi fermo qui.

Un grazie a
Franco per avermi suggerito questa lettura che, a parte tutto, fa emergere
quanto io, lui e tanti altri si è impotenti di fronte a questi processi. Specie
se si considera che le sinistre hanno sposato le tesi del neo-liberismo. Sia
stando al governo che all\’opposizione.

giovannifalcone

GIOVANNI FALCONE
CONSULENTE D’IMPRESA
"ESPERTO ANTIRICICLAGGIO”

Post precendente

LA POLITICA IN VETRINA: Salute in movimento

Prossimo post

CONDOMINIO: Pignoramento conto corrente condominiale

Ultimi per