BANCHE & CLIENTI: Conti cointestati, vale la clausola fatta “in vita”

La banca ha bloccato un conto corrente a firma di disgiunta, le cui clausole contrattuali prevedono il principio secondo il quale, dopo il decesso di un cointestatario, ogni contitolare del conto, in difetto di opposizione scritta di altro cointestatario (o erede del cointestatario premorto), mantiene la facoltà di operarvi disgiuntamente…....

Questo contenuto è riservato solo agli abbonati fai login o accedi 15 giorni gratis