Banche & sofferenze: eterno problema che pochi vedono!

Banche & sofferenze

Banche & sofferenze: eterno problema che pochi vedono!

 

Quando una banca fallisce, come ormai tutti gli italiani hanno visto, per quanto di una gravità inaudita, è tutto spiegabile con parole molto semplici: aveva dei crediti “inesigibili”, clienti falliti, morti o comunque non solvibili, aveva delle sofferenze senza saperlo!

In pratica, per lo più, aveva fatto dei prestiti a “babbo morto”, senza garanzie adeguate e quindi si è trattato di crediti che non sono rientrati.

Dico meglio, la banca lo sapeva, ma faceva finta di non saperlo continuando a portare quelle posizioni fra le poste “attive” del Conto economico e quindi del bilancio a fine anno, nel mentre chi, preposto al controllo, non se ne accorgeva o faceva finta di non accorgersene.

Quando il bubbone è scoppiato e la polvere è dovuta uscire da sotto il tappeto, dove per anni era stata nascosta?

Quando la Banca Centrale Europea ha fatto dei controlli seri, attraverso i cc.dd. “stress test”, andando a guardare la solidità effettiva del patrimonio delle banche.

Fino a questo momento, le banche hanno galleggiato facendo credere che la navigazione fosse tranquilla, elargendo compensi lunari agli amministratori e dividendi gonfiati ai soci, al solo fine di conservare la poltrona nelle assemblee.

Stress test della BCE

Riscontrando una montagna di “crediti deteriorati” cioè delle sofferenze fino a quel momento opportunamente occultate, queste banche interessate al controllo sono state costrette a rettificare i dati di bilancio operando ingenti accantonamenti di risorse per conservare la solidità patrimoniale necessaria.

Gli istituti che non sono riusciti a reperire le risorse per operare tali accantonamenti sono falliti, costringendo il Ministero dell’economia e delle finanze, in pratica lo Stato ad intervenire nel capitale della banca attraverso cospicui finanziamenti.

Con tale operazione si è salvato il salvabile con l’auspicio che gli stessi Intermediari tornino “in bonis” e possano restituire gli aiuti pubblici oggi ottenuti.

Errori da non ripetere

Quando facevo il finanziere con il compito di controllare la “veridicità” dei bilanci di esercizio delle aziende sottoposte a verifiche fiscali su base biennale, il più delle volte, anche per le c.d. “Verifiche generali”, utilizzavo il metodo del “mordi e fuggi”, facendo dei controlli approfonditi a scandaglio solo su alcune poste di bilancio.

Nel nostro caso, se parliamo di banche, verificare la bontà dei crediti, a cominciare dalle “garanzie prestate”, dovrà essere la stella polare di tutta l’attività di controllo.

Verificare la solidità patrimoniale e quindi l’ammontare delle rettifiche ed accantonamenti a riserva, ordinarie o straordinarie, sarà fondamentale per non rivivere le esperienze di questi giorni.

Forse l’unica bella notizia a ben guardare, è data dal fatto che dal 1° gennaio 2018, la nostra Banca d’Italia rimane a casa e la Vigilanza sul sistema bancario e creditizio sarà affidato interamente alla Banca Centrale Europea.

Forse le banche non falliranno più, forse!

 

 

Antiriciclaggio

Consulenza fiscale & fantasia criminale: arresti domiciliari!

Consulenza fiscale & fantasia criminale: arresti domiciliari!   Alla fine di un lungo iter è arrivato il giudizio di legittimità della Suprema corte di Cassazione che con sentenza n.55794 del 14 dicembre 2017  ha sostanzialmente confermato la validità dell’impianto accusatorio, confermando la “indebita compensazione” anche a chi utilizza crediti inesistenti...

Questo contenuto è riservato ai soli membri, per poter accedere al contenuto.
Accedi o Registrati.
Titolare effettivo
Antiriciclaggio

ANTIRICICLAGGIO: Tutto, come e perchè sul Titolare effettivo

ANTIRICICLAGGIO: Tutto, come e perche’ sul Titolare effettivo Riporto, a beneficio di ogni eventuale e potenziale approfondimento, tutti gli articoli che a vario titolo, nel tempo, ho pubblicato sulla fondamentale figura del TITOLARE EFFETTIVO. Pur senza avere la presunzione di aver esaurito l’argomento, si tratta di quesiti risolti dall’Organo di...

Questo contenuto è riservato ai soli membri, per poter accedere al contenuto.
Accedi o Registrati.
L'antiriciclaggio del professionista
Antiriciclaggio

L’antiriciclaggio del professionista (legale o contabile): modulistica utile!

L’antiriciclaggio del professionista (legale o contabile): modulistica utile!   Con l’avvio di una relazione professionale, in concomitanza all’incarico ricevuto bisogna procedere all’adeguata verifica, precisando lo scopo e natura del rapporto, il titolare effettivo laddove trattasi di attività economica (persona giuridica). Le attività di identificazione e verifica dell’identità del cliente, dell’esecutore...

Questo contenuto è riservato ai soli membri, per poter accedere al contenuto.
Accedi o Registrati.

Commenta per primo

Lascia un commento