Cassazione: sì al reato di bancarotta fraudolenta per la confusa tenuta delle scritture contabili

Cassazione: sì al reato di bancarotta fraudolenta per la confusa tenuta delle scritture contabili Non serve la volontà di impedire la ricostruzione o lo scopo di procurarsi un ingiusto profitto o recate pregiudizio ai creditori. Per l’orientamento consolidato della Suprema Corte di Cassazione la quarta ipotesi del reato di bancarotta…...

Questo contenuto è riservato ai soli membri, per poter accedere al contenuto.
Abbonati ora