CONDOMINIO: Facciata, oneri pagati anche da chi sta sul retro

1 min di lettura
Condominio
Condominio
Print Friendly, PDF & Email

CONDOMINIO: Facciata, oneri pagati anche da chi sta sul retro

 

 

Nel mio condominio è stato approvato il rifacimento dei balconi, con relativi frontalini. L’amministratore ha ripartito le spese dell’impalcatura; il proprio; gli oneri per la sicurezza; il compenso del direttore dei lavori. La ripartizione è stata fatta sulla base di millesimi di proprietà. E’ corretto? I proprietari degli appartamenti che hanno un affaccio diverso (e che quindi non beneficiano dei lavori) e degli immobili al pianterreno devono partecipare alla spesa?

  1. C. – FOGGIA

R I S P O S T A

I balconi sono considerati di proprietà esclusiva dei singoli condòmini salvo per quanto concerne le parti quali i frontalini o fregi che ineriscono alla facciata e la abbelliscono e che devono ritenersi di proprietà condominiale (fra le altre, la sentenza della Cassazione 6624/2012).

Posto ciò, tutte le spese che sono a vantaggio del condominio quali quelle elencate nel quesito e che servono anche al rifacimento delle parti comuni dei balconi devono essere divise per millesimi di proprietà.

La facciata è bene comune, ex articolo 1117, numero 1, del Codice civile, anche per i condòmini i cui immobili non si affacciano su di essa, perché fa parte dei muri maestri che delimitano l’edificio e ne sono parti essenziali.

DAL  “IL SOLE 24 ORE”  DEL  16  APRILE  2018

Post precendente

LAVORO: Bonus assunzioni al sud e contratti pregressi

Prossimo post

PREVIDENZA: Per la pensione nel 2028 serviranno 72 anni di età

Ultimi per