CONDOMINIO: La durata del mutuo non incide sul Bonus

Condominio
Condominio

CONDOMINIO: La durata del mutuo non incide sul Bonus

Il mio condominio ha approvato le opere straordinarie per il rifacimento delle facciate, che verranno pagate con mutuo bancario a 36 mesi. L’impresa incaricata dei lavori verrà pagata nel 2018, mediante bonifico bancario per ristrutturazione edilizia, con un fondo creato a seguito dell’erogazione del mutuo.

I condòmini potranno beneficiare dell’agevolazione fiscale a partire dal 2018 – anno di erogazione del mutuo e pagamento del fornitore – per l’intera quota di loro competenza, anche se il pagamento delle rate verrà effettuato in 36 mesi? Oppure potranno dedurre solo le rate pagate nell’anno d’imposta?

  1. B. – MILANO

R I S P O S T A

In presenza di pagamento delle spese – anche per lavori su parti comuni, come nel caso del lettore – tramite mutuo, la detrazione si applica sulla base delle spese pagate nel periodo di imposta.

Il finanziamento dovrà essere erogato, tramite bonifico intestato in nome e per conto del mutuatario (ad esempio, il condominio), all’esecutore dei lavori, altrimenti i benefici non si applicano.

La banca, o al finanziaria, fornirà tutta la documentazione relativa al beneficiario della detrazione (nota agenzia Entrate direzione regionale Piemonte 24882/2009 e circolare 7/E/2017).

In questo modo, il pagamento dei lavori avviene tutto in un anno, mentre il recupero dell’importo detraibile è spalmato in dieci quote di pari importo in sede di dichiarazione dei redditi. Non è rilevante, invece, che il finanziamento venga restituito alla banca in un lasso temporale differente: la detrazione compete per intero – in 10 rate, sulla base della tabella millesimale – anche se la restituzione del finanziamento avviene, nel caso del lettore, in 36 mesi.

DAL  “IL SOLE 24 ORE”  DEL  22  GENNAIO  2018

 

Commenta per primo

Lascia un commento