CONDOMINIO: Le spese sul terrazzo di uso esclusivo

Abito
in un appartamento con un’unica scala e due terrazze, di cui una (terrazza A)
ad uso esclusivo di un condomino e l’altra (terrazza B) condominiale.

Ambedue
le terrazze, per infiltrazione d’acqua, hanno creato danni ai piani
sottostanti.

L’amministratore
divide le spese, facendo pagare ai condomini che stanno sotto alla terrazza A
(uso esclusivo) sia i danni della terrazza A che quelli della terrazza B,
mentre quelli che stanno sotto la terrazza B pagano solo i danni causati dalla
terrazza B.

Io,
invece, sostengo che la ripartizione va fatta secondo l’articolo 1126 del
Codice civile, predisponendo delle tabelle millesimali adatte solo allo scopo.
Desidererei un vostro parere.

L.T.SIRACUSA

R
I S P O S T A

Il fatto che ci sia una sola scala
lascia supporre che l’edificio si componga di un unico corpo di fabbrica e che
la copertura, unitaria dal punto di vista architettonico, sia stata divisa in
due parti: una di uso esclusivo di un condominio; l’altra di uso comune.

Il criterio di ripartizione dettato dall’articolo
1126, Codice civile, dunque, deve essere applicato a una parte della spesa
proporzionale all’estensione della terrazza ad uso esclusivo. Di detta somma,
un terzo graverà sul proprietario di quella terrazza. I restanti due terzi e
tutta la restante parte della spesa complessiva resteranno a carico di tutti i
condomini in ragione del valore proporzionale (cosiddetti millesimi di
proprietà).

DAL
SOLE 24 ORE DEL 9 DICEMBRE 2013

Commenta per primo

Lascia un commento