CONFIDI: Fondo di prevenzione usura

2 min di lettura
Print Friendly, PDF & Email

E’ possibile
utilizzare della garanzia del fondo di prevenzione del fenomeno dell\’usura
estendendo il concetto di INCREMENTO DI LINEA DI CREDITO A BREVE anche alle
aperture di nuovi affidamenti a breve (a titolo esemplificativo: operazioni di
anticipo fatture, fido a termine, R.I.B.A )?

R I S P O S T A

Il comma 2
dall’art. 15 Legge 108/96 prevede che i contribuiti per la prevenzione del
fenomeno dell’usura possono essere concessi ai confidi alle seguenti
condizioni:

che essi
costituiscano speciali fondi antiusura, separati dai fondi rischi ordinari,
destinati a garantire fino all\’80 per cento le banche e gli istituti di credito
che concedono finanziamenti a medio termine e all\’incremento di linee di
credito a breve termine a favore delle piccole e medie imprese a elevato
rischio finanziario, intendendosi per tali le imprese cui sia stata rifiutata
una domanda di finanziamento assistita da una garanzia pari ad almeno il 50 per
cento dell\’importo del finanziamento stesso pur in presenza della disponibilità
del confidi al rilascio della garanzia.

Inoltre,
l’art. 7 del DPR 315/97 stabilisce che il fondo speciale antiusura deve avere
le seguenti caratteristiche:
essere riservato esclusivamente alla concessione delle garanzie previste
dall\’articolo 15, comma 2, della legge.

Pertanto,
alla luce del dettato normativo, qualsiasi tipo di operazione può essere
effettuata esclusivamente nel caso in cui vi sia stato, da parte delle banche e
degli istituti di credito, il rifiuto della domanda di finanziamento assistita
da una garanzia pari ad almeno il 50 per cento dell\’importo del finanziamento
stesso.
Qualora il suddetto rifiuto non sia presente, tale operazione sarà a carico del
confidi tramite il fondo rischi ordinario.

Ad ulteriore
integrazione, si fa presente che alcune tipologie di operazioni di cui si
chiede di frequente l’ammissibilità a garanzia speciale, non sono per loro
natura oggetto di domanda di finanziamento formalmente assistito da
garanzia/fideiusssione, dunque sono a priori escluse dalla possibilità di
essere garantite.

FAQ – MEF 2015

 

giovannifalcone

GIOVANNI FALCONE
CONSULENTE D’IMPRESA
"ESPERTO ANTIRICICLAGGIO”

Post precendente

LA POLITICA IN VETRINA: Corte dei conti e la condanna “provvisoria e con lo sconto” della vecchia Giunta (1° grado)

Prossimo post

BANCA D’ITALIA: Elenco intermediari in stato di crisi al 12 febbraio 2015

Ultimi per