Pcc
Pcc

Controllo Bankit: Copia conforme all’originale!

3 min di lettura
Print Friendly, PDF & Email

Controllo Bankit: Copia conforme all’originale!

 

Nei miei otto anni, trascorsi a svolgere le mansioni di Responsabile aziendale antiriciclaggio nell’ambito di un gruppo bancario, con una solo eccezione, non ho mai fatto ricorso ad acquisire dati di bilancio sulla operatività della clientela per suffragare o avvalorare determinate valutazioni.

L’eccezione ha riguardato la fattispecie in cui un amministratore di una determinata attività economica (usualmente società di capitali), trasferiva risorse finanziarie dal conto della società a quello personale, adducendo una presunta “restituzione anticipazione socio”. In questi casi, suggerivo sempre di acquisire copia di una delibera del Consiglio di amministrazione dalla quale si sarebbe potuto evincere la volontà di autorizzare il trasferimento.

La copia di tale verbale veniva allegata al fascicolo del cliente a futura memoria, per ogni eventuale necessità.

Pratica operativa

Mi risulta che l’acquisizione di copie di verbali di varia natura (assemblea dei soci, consigli di amministrazione etc.), vengono acquisiti con frequenza da parte del Servizio antiriciclaggio di una banca quando, per ragioni diverse, gli stessi possono suffragare una determinata valutazione nella interpretazione de attribuire ad una ben definita operatività.

Sappiamo che l’acquisizione di tali documenti o informazioni potrà avere luogo con modalità e procedure diverse, rivolgendosi a soggetti che, in possesso degli originali di tutte le scritture contabili, saranno interessati a produrre le copie richieste:

  • Richiesta presso la Camera di commercio, la cui autenticità potrà essere documentata dalla corrispondenza prodotta al riguardo;
  • Direttamente per il tramite dell’amministratore della persona giuridica;
  • Per il tramite del commercialista o studio legale dell’attività economica di cui trattasi.

In tutti i casi, anche sulla scorta di quanto previsto dall’articolo 18 e seguenti del Dpr 445/2000, tale documentazione dovrà recare in ogni pagina “Per copia conforme all’originale”, riportando nella parte finale, il numero delle pagine e la data di rilascio, con la firma del funzionario o dirigente responsabile.

In assenza di questi accorgimenti, in presenza di un controllo di un Organo di vigilanza – pensiamo alla Banca d’Italia, , Consob, Guardia di finanza etc. – esibire la fotocopia di un verbale, lo stesso potrebbe essere ritenuto poco attendibile.

Morale: non dimenticate mai di far apporre la dicitura: Per copia conforme all’originale!

Post precendente

“La Germania è un paradiso per il riciclaggio”, parola di un tedesco

Prossimo post

Antiriciclaggio: Connessione obiettiva con un reato!

Ultimi per