DE CUIUS: I creditori non possono “attaccare” la polizza vita

De cuius
De cuius

DE  CUIUS: I creditori non possono “attaccare” la polizza vita

In presenza di una polizza vita con beneficio l’unico figlio, nel momento in cui l’assicurato muore lasciando debiti, i suoi creditori possono azionare rivendiche nei confronti del beneficiario della polizza?

  1. P. – CERVINARA

R I S P O S T A

Premesso che la somma ricevuta dal beneficiario di una polizza vita alla morte del contraente, anche se destinata a un erede legittimo, rimane estranea all’asse ereditario, i creditori del defunto non potranno soddisfare i propri diritti mediante azione esecutiva o cautelare avente sugli importi corrisposti al beneficiario dell’assicurazione stessa.

Rimane comunque salva, secondo quanto stabilito dall’articolo 1923 del Codice civile, la possibilità di agire per la revocatoria degli atti compiuti dal debitore in pregiudizio dei propri creditori, qualora ne sussistano le condizioni di legge, di cui all’articolo 2901 del Codice civile.

DAL  “IL SOLE 24 ORE”  DEL  12  MARZO  2018

Commenta per primo

Lascia un commento