FATTURE FALSE: La fattura troppo generica prova l’operazione inesistente

2 min di lettura

Le irregolarità nelle fatture, quali una descrizione troppo generica e la doppia numerazione, sono una prova sufficiente al fisco per contestare una falsa fatturazione. Lo ha stabilito la Corte di cassazione che, con la sentenza n. 12246 del 19 maggio 2010, ha respinto il terzo motivo del ricorso presentato da un’azienda destinataria di un accertamento. In sostanza l’amministrazione finanziaria aveva contestato la deducibilità di alcuni costi perché le fatture emesse, avevano una doppia numerazione ed…

Questo contenuto è riservato agli abbonati....

Sei interessato a questo contenuto?

Ti regalo 10 giorni completamente gratis

giovannifalcone

GIOVANNI FALCONE
CONSULENTE D’IMPRESA
"ESPERTO ANTIRICICLAGGIO”

Post precendente

Privilegio generale sui mobili esteso anche all’Ici. Più facile per il comune riscuotere dal fallimento

Prossimo post

ACCERTAMENTO INDUTTIVO & CONTRATTO SIMULATO: L’abuso del diritto permette al fisco di contestare anche i contratti tipici stipulati dalle aziende

Ultimi per