Giustizia & Diritto: Irretroattività della legge penale!

Irretroattività legge penale
Irretroattività legge penale
Giustizia & Diritto: Irretroattività della legge penale!
Con la sentenza dell’altro giorno della Corte Costituzionale è stato consacrato il principio secondo il quale, in ossequio all’art. 25 della Carta, la legge, ogni legge, deve valere solo per il futuro.
Con la famosa legge denominata “spazza corrotti” pubblicata Sulla Gazzetta Ufficiale n. 13 del 16 gennaio 2019, avente ad oggetto “Misure per il contrasto dei reati contro la pubblica amministrazione, nonché in materia di prescrizione del reato e in materia di trasparenza dei partiti e movimenti politici”.
Alle iniziali osservazioni politiche in Parlamento, bocciate dalla forza dei numeri dei pentastellati, oggi è giunta la Corte che ha cassato l’impianto retroattivo della novella.
Il grande Ministro Bonafede, ancora in carica con il Governo del Conte due, aveva sempre affermato che la Spazzacorrotti avrebbe addirittura «proiettato l’Italia come Paese leader a livello internazionale nella lotta alla criminalità organizzata e alla corruzione».
Ora invece, il Guardasigilli rischia di mettere mano al portafogli e risarcire tutti coloro che non dovevano essere arrestati. Ogni giorno di ingiusta detenzione ammonta a 250 euro.
Tutti gli amici che votarono Giggno & C. potrebbero volontariamente avviare una sottoscrizione al fine di aiutare un Movimento, per la fortuna di tutti ormai in liquefazione, per sostenere l’enorme falla in termini economici che, si spera, vada ricondotta ai responsabili di questo disastro!

 

Commenta per primo

Lascia un commento