LA POLITICA IN VETRINA: Orlando, ci faccia il piacere!

“Io voglio unire ed allearmi con tutto il centro sinistra e non, come ha dichiarato Matteo Renzi, con il centro destra di Berlusconi”. Questa è una delle tante dichiarazioni del Dalai Lama di casa nostra (alias Ministro dei Grazia e Giustizia Andrea Orlando). Sulla scorta della sentenza della Consulta che a gennaio scorso ha bocciato il “ballottaggio” dell’Italicum, alle prossime politiche non ci sarà un vincitore in quanto, verosimilmente, nessuno dei partiti in lizza, raggiungerà la fatidica soglia del 40% per aver diritto al premio di maggioranza. Se così sarà, esimio sig. Dalai Lama nostrano, mi dice come farà a governare con il suo 30% (sto largheggiando, convinto come sono che con lei Segretario non si supererebbe neanche il 20%) e un altro 5% dei veri cespugli dal “pugno chiuso e la bandiera rossa”? Quello che ha detto invece Matteo Renzi, nella sciagurata ipotesi di ripetere lo stallo istituzionale della primavera del 2013 dove, in occasione delle passate elezioni, con l’Italia divisa in tre e lo smacchiatore di giaguari fermo al palo ed incapace di formare un Governo, si decise obtorto collo, per il Governo minestrone, mettendo insieme il diavolo e l’acqua santa, anche personalità politiche aventi programmi e storia
Utenti collegati esistenti
   
Nuova Registrazione Utente
captcha
*Campo obbligatorio
Powered by WP-Members