Liquidità alle imprese: basta il conto aziendale!

Liquidità alle imprese: basta il conto aziendale!
Liquidità alle imprese: basta il conto aziendale!

Liquidità alle imprese: basta il conto aziendale!

 

Per quanto riguarda il controllo di merito, quindi il corretto utilizzo della provvista per il pagamento ad es. dei fornitori, dipendenti etc. credo sia indispensabile l’accensione di conti dedicati, affinché anche la banca e le autorità preposte alle verifiche, possano verificare la reale destinazione della liquidità.

Da un abbonato al sito web antiriciclaggio.org

R I S P O S T A

Innanzitutto qui parliamo di prestito e non di “fondo perduto”. Detto questo, il controllo circa il corretto utilizzo della provvista è possibile farlo senza il ricorso al “conto dedicato” (previsto per gli appalti pubblici di cui alla legge 136/2010), essendo sufficiente allo scopo il solo “conto aziendale”. Questo, evidentemente, in un contesto di estrema necessità di battere i tempi e ridurre la burocrazia a tutto vantaggio delle imprese.

In ogni caso, per azzerare la burocrazia, a mio avviso, bisogna accogliere la proposta del DG dell’Abi, di cui parlo nell’articolo – autocertificazione allargata e Scudo penale sul merito creditizio per importi fino a 100mila euro.

Cordialità

gf

Commenta per primo

Lascia un commento