PREVIDENZA: Contributi volontari, chi versa non può lavorare

Previdenza
Previdenza
Print Friendly, PDF & Email

PREVIDENZA: Contributi volontari, chi versa non può lavorare

Ho 61 anni, sono impiegato nel settore metalmeccanico. Mi sono licenziato volontariamente a marzo 2018 e terminerò il rapporto di lavoro il 1° settembre 2018.da quel momento verserò i contributi pensionistici fino alla scadenza prevista per godere della pensione (in base a un documento ufficiale dell’Inps potrò godere della pensione a partire dal 1° agosto 2019).

Nel periodo tra il 1° settembre 2018 e il 1° agosto 2019 posso comunque lavorare? Un funzionario Inps, solo verbalmente, mi ha detto di sì, ma solo con contratto a tempo determinato. Altre fonti, invece, mi hanno detto che non è possibile.

  1. S. – CILAVEGNA

R I S P O S T A

Se dopo la cessazione del rapporto di lavoro il versamento dei contributi pensionistici di cui parla il lettore sono contributi volontari, non è possibile svolgere alcuna attività lavorativa che comporti il versamento di contributi obbligatori.

Se al contrario si tratta di contributi obbligatori derivanti da regolare rapporto di lavoro non ci sono problemi al loro accredito.

DAL  “IL SOLE 24 ORE”  DEL  14  MAGGIO  2018

Commenta per primo

Lascia un commento