PRIVACY: le case di chi è sotto inchiesta devono stare lontane dai riflettori

1 min di lettura
Print Friendly, PDF & Email

Le abitazioni di chi è sotto inchiesta dovranno essere garantite, d’ora inavanti, dai riflettori. Infatti c’è violazione della privacy se l’interno dellacasa, anche vuota, è ripreso o fotografato. Ecco perché risponde d’abusod’ufficio e violazione della privacy l’agente che ha consentito l’ingressonell’abitazione dei cronisti senza autorizzazione. Ma non basta. I giornalistinon rispondono penalmente se sono entrati scortati dagli inquirenti e nellaconvinzione che ci fossero le autorizzazioni. Lo ha stabilito la Corte di cassazione che, con la sentenza n. 46509 del 17dicembre 2008, ha confermato la responsabilità penale per abuso d’ufficio eviolazione della privacy nei confronti di un ispettore che aveva dato in pastoalla stampa la casa di un indagato.

giovannifalcone

GIOVANNI FALCONE
CONSULENTE D’IMPRESA
"ESPERTO ANTIRICICLAGGIO”

Post precendente

ACQUISTO PER USUCAPIONE, benefici fiscali sulla prima casa a metà

Prossimo post

Processi lumaca: il rinvio dell’udienza chiesto dalla parte non abbatte l’indennizzo

Ultimi per

Quadro sinottico documenti SRB 

Quadro sinottico documenti SRB  Segnalazioni armonizzate di Vigilanza e di Risoluzione (DPM/XBRL) https://www.bancaditalia.it/statistiche/raccolta-dati/segnalazioni/eba-its/Quadro-sinottico-doc-SRB.pdf?pk_campaign=EmailAlertBdi&pk_kwd=it

F.A.Q. Liability Data Report 

F.A.Q. Liability Data Report  https://www.bancaditalia.it/statistiche/raccolta-dati/segnalazioni/eba-its/F.A.Q.-Liability-Data-Report.pdf?pk_campaign=EmailAlertBdi&pk_kwd=it