SERVIZI PUBBLICI: Il volume d’affari dell’impresa dev’essere proporzionato al valore dell’appalto

1 min di lettura
Print Friendly, PDF & Email

Il volume d’affari richiesto alle imprese per poter partecipare a una gara d’appalto pubblico non può essere sproporzionato rispetto al valore dell’appalto stesso. E’ quindi illegittimo il requisito del bando di gara che impone alle aziende di possedere una capacità economica e finanziaria irragionevolmente elevata.
Lo ha stabilito il Tar del Lazio nella sentenza 16450 del 8 giugno 2010, accogliendo il ricorso di una ditta esclusa dalla procedura per l’affidamento dell’appalto quadriennale del servizio di pulizia presso gli uffici della Polizia e dell’Arma dei carabinieri. La gara era stata indetta dalla Prefettura di Roma, e richiedeva alle imprese partecipanti di avere un volume di affari di oltre 8 milioni di euro. I giudici del Lazio hanno ritenuto la clausola del bando troppo onerosa, e sproporzionata rispetto al valore dell’appalto, ribadendo che “le stazioni appaltanti possono richiedere, ai fini della partecipazione alle gare ad evidenza pubblica, requisiti ulteriori rispetto a quelli menzionati dagli artt. 40, 41 e 42 del D. Lgs. n. 163/2006, con l\’unico limite dell\’inerenza di tali requisiti all\’oggetto dell\’appalto, ma tale possibilità deve essere svolta in maniera tale da non porre criteri discriminanti, illogici e sproporzionati rispetto alla specificità del servizio oggetto dell\’appalto, per non restringere (in maniera altrettanto discriminante, illogica ed irrazionale), oltre lo stretto indispensabile, il potenziale numero dei concorrenti”.

http://www.giovannifalcone.it/upload/uno.pdf

giovannifalcone

GIOVANNI FALCONE
CONSULENTE D’IMPRESA
"ESPERTO ANTIRICICLAGGIO”

Post precendente

PREVENZIONE DEI REATI: Sequestrate le armi da caccia del marito che minaccia di morte la moglie

Prossimo post

Rischia fino a tre anni di reclusione l’imprenditore che vende i beni pignorati dell’azienda

Ultimi per