USURA BANCARIA: Le prime conseguenze della Sentenza di Cassazione Civile n.350/2013

2 min di lettura
Print Friendly, PDF & Email

Usura: prima decisione che segue la sentenza della Cassazione 350/2013 sul computo degli interessi moratori

Giudice di Pace di Domodossola, 02 maggio 2014, n. 88

Con sentenza n. 88 del 2 maggio 2014 il Giudice di Pace di Domodossola, avv. Carlo Crapanzano, ha affermato il principio secondo cui, ai fini del riscontro dell’eventuale usurarietà del carico economico di un contratto di mutuo, vanno conteggiati, insieme a tutti gli altri oneri, pure gli interessi moratori, così come già rilevato dalla giurisprudenza della Corte Costituzionale e dalla Corte di Cassazione.

La sentenza si segnale per essere, a quanto risulta, la prima pronuncia di merito che si è allineata all’orientamento espresso dalla suprema Corte di Cassazione con sentenza 9 gennaio 2013, n. 350 (cfr. contenuti correlati), secondo cui, ai fini dell’applicazione dell’art. 1815 c.c. e dell’art. 644 c.p., si considerano usurari gli interessi che superano il limite stabilito dalla legge al momento in cui sono promessi o comunque convenuti a qualunque titolo, e quindi anche a titolo d’interessi moratori.

Per completezza si evidenzia come l’orientamento della Corte di Cassazione, seguito dalla presente sentenza del Giudice di Pace di Domodossola, è stato disatteso dai più recenti pronunciamenti espressi dal Collegio di Coordinamento dell’Arbitro Bancario Finanziario, di cui si è dato conto in questa rivista (cfr. contenuti correlati).

giovannifalcone

GIOVANNI FALCONE
CONSULENTE D’IMPRESA
"ESPERTO ANTIRICICLAGGIO”

Post precendente

USURA BANCARIA: Il tasso soglia e gli interessi di mora

Prossimo post

LA POLITICA IN VETRINA: Sinergia Istituzionale nel piano anti-evasione fiscale

Ultimi per